News: Le motivazioni del TNAS, presunta colpevolezza!
(Categoria: L'angolo di Farsopoli)
Inviato da vikingo32
venerdì 16 novembre 2012 - 11:28 54


Sono state rese note le motivazioni da parte del TNAS che hanno portato alla definitiva  condanna di  Antonio Conte per l’omessa denuncia relativa alla gara Albinoleffe-Siena. Per commentarla come farebbe il nostro allenatore ci viene in mente una sola parola: AGGHIACCIANTE!   Leggendo il documento ci sono alcune perle come: “In via presuntiva, pare allora decisamente più logico, per il contesto organizzativo in cui lo Stellini era



inserito, ritenere che egli abbia informato dell’accaduto il Conte piuttosto che il contrario. Anche qui, applicando il principio della assenza di necessità di raggiungere la certezza al di là di ogni ragionevole dubbio, in un giudizio comparativo tra le due ipotesi l’una pare più probabile e plausibile dell’altra”. Ci troviamo, quindi, di fronte alla morte del diritto così come ci viene spiegato alla scuola superiore. Ci hanno sempre spiegato che, per esserci una condanna, deve esserci una certezza della colpa oltre ogni ragionevole dubbio mentre qui ci troviamo di fronte alla presunzione di colpevolezza.
Dimenticatevi la storiella di Mastronunzio, che aveva portato Sandulli a raccontarci che a Conte era andata di lusso (a proposito, qualcuno ha notizie del deferimento del sommo giurista per le sue dichiarazioni uscite prima della sentenza?), dimenticatevi dell’attendibilità di “pippo” Carobbio (lo stesso TNAS lo ha sbugiardato più volte, l’ultima è l’assoluzione di Gheller). Conte viene squalificato perché l’ipotesi che “non poteva non sapere” è verosimile…   Un altro passaggio delle motivazioni che ci lascia interdetti è: "Come ammesso dalla stessa difesa di Conte, quest’ultimo avrebbe avuto conoscenza dell’illecito accaduto in data 08 marzo 2012. La confessione di Stellini è datata 29 luglio 2012. Ne discende che il sig. Conte, anche a voler seguire la tesi sostenuta dalla difesa del medesimo, avrebbe omesso di denunciare, ai sensi dell’art.7, comma 7, il fatto illecito una volta venutone a conoscenza, cioè, quanto meno, a far data dal giorno 08 marzo 2012". Peccato che in realtà Conte non ha mai detto di essere venuto a conoscenza dell’illecito di Albinoleffe-Siena a marzo 2012, basterebbe leggere il verbale della sua deposizione. In merito a questa partita Conte dichiara: “Non mi accorsi di nulla di particolare in occasione di Siena-Albinoleffe, in quanto, essendo molto arrabbiato per il gol subito nei minuti finali, andai via velocemente; STELLlNI, solo recentemente, a seguito delle notizie stampa che lo indicavano come coinvolto in presunti accordi presi dal CAROBBIO per la partita di ritorno, mi ha riferito che, al termine della gara in oggetto, vi era stata una rissa tra i calciatori delle due squadre al quale il medesimo aveva partecipato, e, pertanto, essendo preoccupato che potessero accadere incidenti nella gara di ritorno, sollecitò CAROBBIO, quale ex dell’Albinoleffe, a parlare con i suoi ex compagni per cercare di stemperare gli animi (…) non ho mai saputo di un incontro tra i miei calciatori e alcuni calciatori avversari fuori del nostro albergo (…) poiché i calciatori non potevano uscire dall’albergo in occasione dei ritiro, non so come si siano potuti incontrare, lo addebito ad un po’ di lassismo da fine campionato; se lo avessi saputo mi sarei infuriato (…) anche nella riunione tecnica precedente la gara ALBINOLEFFE-SIENA cercai di motivare i ragazzi per ottenere una vittoria anche perché saremmo potuti ancora arrivare primi, davanti all’Atalanta con la quale avevo una rivalità personale (…)” Qualcuno riesce a trovare tracce di un’ammissione? Assolutamente no! Ci rendiamo conto che il compito del TNAS è gravoso perché deve in qualche modo giustificare le assurdità delle sentenze precedenti e possibilmente evitare figuracce agli organi che hanno già giudicato ma, in questo caso, ci sembra che abbiano voluto esagerare. Queste motivazioni sono veramente difficili da digerire e rendono sempre più urgente una ristrutturazione generale della giustizia sportiva per far sì che certi scempi non si verifichino più.



Questa news proviene da Juventus Club Melegnano
( http://jcmelegnano.net/news.php?extend.556 )