News: Abete attacca la Lega "Ha un ruolo insignificante"
(Categoria: Attualità)
Inviato da Max
lunedì 02 luglio 2012 - 17:26 28


Il presidente federale nella conferenza conclusiva di Euro 2012: "L’assenza di un loro progetto determina un danno per il sistema calcio. Non c’è un interlocutore".



"La Figc è soddisfatta dell’Europeo azzurro per risultato, gioco e immagine - spiega il presidente della Figc Giacarlo Abete nella conferenza conclusiva di Euro 2012 -. In un momento difficile del calcio, la Nazionale ha riconciliato la gente con il pallone.- Abete forse non si è accorto che la gente non aveva bisogno di riconciliarsi con il mondo del calcio, perchè da ormai qualche anno ci si è rassegnati ad avere gente che governa il nostro football non all'altezza -Ringrazio il presidente Napolitano che ci riceverà a Roma e il Presidente del Consiglio Monti,- Forse il ringraziamento a Monti si poteva evitare, tenendo conto delle dichiarazioni deliranti di Monti stesso prima degli europei, quando la sua proposta era di fermare il calcio, dopo aver tolto tutto agli italiani ci volevano togliere pure il calcio e la figc lo ringrazia pure?- presente a Kiev alla finale. Rapporti di forza del sistema calcio da rivedere, rispetto alla Lega? Mai la Lega ha avuto un ruolo così insignificante, rispetto alla Federazione.- eh no caro Abete, nulla, di più insignificante c'è oggi nel mondo del pallone se non la figc, una federazione che vuole dettare legge ma che non è competente su ciò che ha legiferato in passato, una federazione che non sa se lo scudetto del 2004/05, giudicato non alterato dal giudice Casoria, va restituito alla Juve o il campionato 2005/06, revocato all'Inter che beneficiò della sciagurata e breve parentesi di Guido Rossi commissario della figc, una figc che durante farsopoli aveva come vice-presidente Abete stesso - L’assenza di un loro progetto determina un danno per il sistema calcio. Non c’è un interlocutore. Non c’erano presidenti di serie A a Kiev? Speriamo ci sia un coinvolgimento più ampio, in futuro. I risultati positivi della Nazionale non imbavagliano nessuna inchiesta sportiva. Nè implicano indulti o amnistie, e non sarebbe stato così neanche in caso di vittoria in finale. Chi ha sbagliato paga, ma ci sono organi deputati a giudicare".- Organi deputati a giudicare? ah, quali? fatecelo sapere che a tali organi potremmo chiedere una revisione della farsopoli del 2006, visto che il signor presidente della ficg e l'intera federazione non ha competenza.
ATTACCO — All'indomani della sconfitta in finale con la Spagna, Abete coglie l'occasione per uno sfogo insolito per il suo tradizionale aplomb. E da cui parte per disegnare il futuro di una federazione e di una nazionale che saranno sempre più a marchio Prandelli. Dal contributo dei club non si può però prescindere ed è proprio in questo che Abete individua le maggiori responsabilità. "Il problema principale - ha detto - è che mai la Lega ha avuto con noi un ruolo così insignificante: non ha rappresentanti nel consiglio federale, non è determinante, come in passato, nell'elezione del presidente. C'è una sommatoria di interessi individuali che ha fatto venir meno una proposta e quindi una possibilità di interlocuzione"- Probabilmente la lega ritiene inutile interloquire con una federazione debole e senza alcun potere. PROBLEMA CALENDARI — Anche se sono pure i calendari internazionali che comprimono lo spazio per gli azzurri: "In due anni - ha detto - avremo a disposizione nove settimane. Dobbiamo puntare a un lavoro giornaliero che coinvolga anche le giovanili per integrarle in un progetto. Il problema però rimane sempre il ruolo delle nazionali rispetto ai club". Abete ha parlato anche dei temi legati alla giustizia sportiva, rivolgendosi, in particolare all'ex pm di Calciopoli, Giuseppe Narducci ed al giornalista Marco Travaglio. "Voglio tranquillizzarli - ha detto - nessuno mai ha pensato a indulti o colpi di spugna. Neanche se avessimo vinto noi 4-0. Poi capisco che bisogna presentare i libri, ma la federazione non ci ha davvero mai pensato, chi commette degli errori paga.- questa è una cavolata totale, Narducci , Auricchio e tutta la loro combriccola hanno sbagliato e ora non pagano, anzi sono entrati nel mondo più marcio che il nostro tempo conosce: la Politica - Narducci, che ho visto ha avuto problemi anche come assessore con De Magistris a Napoli, può stare tranquillo. Una sola cosa dico: io ho sempre tifato Italia, e mi vergogno di chi non tifa Italia".  Caro Abete, l'aver tifato Italia è l'unica cosa per la quale non devi vergognarti, tutto il resto è un problema, il problema del calcio italiano.

Commento in neretto all'articolo proveniente da roseo quotidiano - giornale indesiderato -



Questa news proviene da Juventus Club Melegnano
( http://jcmelegnano.net/news.php?extend.32 )