Anni 90, plastica e nuvole. (parte prima)

Scritta da Domenico il: venerdì 01 gennaio 2016 - 05:50 00 nella categoria: Curiosità

Quando penso a questo decennio, pur se non me n’e` mai fregato molto della nazionale italiana, tranne quella del 1982, il primo pensiero va comunque al 1994. Era l’anno dei mondiali di calcio negli USA. Una casualita` probabilmente, in realta` e` perche` ero appena sposato, in

viaggio con mia moglie proprio in America. Un mese passato a realizzare una sorta di “coast to coast” a modo nostro.

Nulla a che vedere con la route 66 descritta da Kerouac in “On the road”, o  forse solo idealmente sulla scia di quel modello avventuroso, beat, di cui ho dato minimale cenno nel capitolo sugli anni 70. Ah, e ho poi chiuso l’altro post, il capitolo sugli eighties proprio “zompando a pie` pari” nel 1994.  Giusto probabilmente a questo punto ripartire da qui. L’arrivo negli USA di quel fine Giugno rovente del 1994, le file chilometriche alla dogana, dati i mondiali ancor piu` problematiche e affollate del solito. Poi, l’immediata trasvolata verso la citta` degli angeli, da Washington DC, quasi piu` lunga del volo dall’Italia agli States e i bagagli persi, recapitati a Los Angeles fortunatamente il giorno dopo.

All’epoca fumavo, appena giunto a LA dopo 20 e piu` ore trascorse in zone “smoking free”, rammento l’accendermi fuori dall’aereporto in California, la sigaretta, in un’afa insostenibile e uno smog da tagliare col coltello, e l’immediato arrivo del solerte funzionario sbucato dal nulla a dirmi: “Sorry Sir, smoking is forbidden in this area”. Welcome to the US, dunque. Per noi della vecchia Italia dove ancora si fumava ovunque non poterlo fare neanche all’aperto suono` come esser stati catapultati su Marte.

Paese di grandi contraddizioni l’America, almeno ai miei occhi. Detto della coltre di smog che poteva trasmetterti il cancro per direttissima e molto prima della mia cicca, ti poteva capitare di assistere a campagne di vario tipo, in un paese gia` ”Health conscious” , come ad esempio vedere espressi  suggerimenti alla popolazione riguardo all’igiene orale, su giganteschi billboard, cartelloni stradali con la scritta “Don’t forget to brush your teeth” (non dimenticare di lavarti i denti), oppure comprare uova recanti sulla confezione la scritta “cholesterol free” (e che gli date da mangiare alle galline?).  Incredibile e divertente per me in quel momento.  

Il mio viaggio era organizzato in modo non intenzionalmente alternativo rispetto ai mondiali pero` per uno strano scherzo del destino quando la squadra italica giocava ad ovest, io mi trovavo ad est e viceversa. Il girone rocambolesco nel quale gli italiani passarono per differenza reti, terminato con tutte le squadre (Irlanda, Norvegia e Messico) a pari punti (4) gli azzurri lo giocarono a Washington e New York, mentre io ero ad Ovest. La finale con il Brasile venne giocata a Pasadena quando io ormai ero a New York. A LA manco a dirlo, mi ritrovai a parlare di calcio e scommettere, sfottermi con i dipendenti messicani dell’albergo, identificato immediatamente come italiano e dati i “tip” elargiti interlocutore privilegiato sul soccer, disciplina di cui i messicani pensavano i gringos, gli yankee, non capissero nulla. Come dargli torto?

Era L’italia dell”Arrigo imbottita di milanisti per la quale la mia simpatia era prossima allo zero. L’unico ad accendere la fantasia, quando finalmente si sveglio`, Roby Baggio. Dalla partita con la Nigeria, uno squadrone che ci sovrastava fisicamente, a quelle temperature assurde. Si giocava spesso in orari come mezzogiorno o le tredici  a trenta e piu`gradi all’ombra per ragioni televisive e accomodare i vari fusi orari e con le aquile africane eravamo sotto di un goal. Ci penso` lui, il divin codino, sino ad allora discusso per le prestazioni non di livello. Roberto Baggio ci porto` in finale attraverso una serie di goal e belle partite. Che comunque non mancai di vedere in televisione, in albergo o nei bar prima di Los Angeles e poi di San Francisco.

La squadra azzurra ci arrivo`anche grazie al “cul de sac” (no non e` francese e` il fondoschiena fortunato dell’Arrigo), ad esempio graziati con la Spagna dopo il misfatto di Tassotti ai danni di Luis Enrique, un colpo in faccia a tradimento da vigliacco assoluto. La finale la vidi in un ristorante di New York a pranzo, a Little Italy, gestito da sedicenti italiani e con i camerieri magrebini che tifavano Brasile a dispetto della clientela di americani ed italiani che parteggiavano per gli azzurri. Un quartiere gia` allora ridotto ad una sola strada circondata da un’altra delle tante Chinatown del mondo. 

Situazione comunque divertente e surreale per un tifoso blando come me. Una partita bruttina giocata al rallentatore dato l’orario e il caldo, persa ai rigori. Ah e cibo pessimo direi. C’era col Brasile ma non mise piede in campo, un ragazzino di cui si diceva un gran bene, tale Luis Nazario da Lima. Assistemmo invece al pianto di gioia di “lacrima” Bebeto, compagno di reparto di Romario.



Ti potrebbe interessare anche:

01.01.2016: Anni 90, plastica e nuvole. (parte prima)
26.03.2016: Anni 90, plastica e nuvole. (parte seconda)
29.03.2016: Anni 90, plastica e nuvole. (parte terza)





Commenti:  0 | Stampa: Stampa veloce



facebook
http://jcmelegnano.net/e107_plugins/autogallery/autogallery.php?show=LE%20JUVENTUS....VINCENTI



trofei_2019.jpg
 
Numero_soci_2019.jpg
 
 Buono partita.png
 
app_android.jpg
 
contattaci_nero_e_giallo.jpg
scrivi_un_articolo.jpg
 
bandiera_juve.gif
 
meteo_it_2.jpg
meteo_melegnano_2.jpg
meteo_Calcio_2.jpg
 
Uniti per un solo amore.jpg
Juventus_Card.png
servizio_pullman.jpg
trasferte.jpg
 guarda_video_juve_stadio_.jpg
 Emozione.jpg




Tennis.png
 
amici.jpg
 
TB_icona_250.jpg
 
blog_luca_marotta.jpg
 
logo_orange_stings.jpg

foto_divisorio_sondaggio.jpg



 
 

 

Chatbox


Devi essere registrato per inviare commenti - effettua il Login oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti


RozziEugenio16
Ciao!!

rozzieugenio
Ciao a tutti!!

fabiettto
sono residente in Puglia... Posso iscrivermi regolarmente al club?

rozzieugenio
Ciao a tutti!! Come và?

Prof72
Ora mi sento parte integrante del club.finalmente mi sono iscritto per tifare con tutti voi.

sef1897
Saluti ...

Prof72
Ciao a tutti sono stato assente per un bel Po ma torno con piacere tra gli amici bianconeri.

rozzieugenio
Ciao a tutti!!

Zibi67
Benvenuto nel nostro spazio web Elettrik79.
Ora puoi tifare con noi!

Zibi67
Benvenuto nel nostro spazio web oskarre64.
Ora puoi tifare con noi!