The sixties – Riflessi della memoria (parte prima)

Scritta da Domenico il: venerdì 02 gennaio 2015 - 08:40 50 nella categoria: L'opinione degli "altri"

Sono nato negli anni sessanta. Uno dei tanti, è proprio il caso di dirlo. Un baby boomer, figlio di quel nuovo benessere che permeava la nazione in quei giorni e spinse quelle generazioni a produrre bambini come non sarebbe piu` capitato nella nostra storia. Circa un decennio di nascite record che gli storici fanno terminare intorno al 65, o poco prima, non ha

molto senso dibatterne; ad un certo punto dei sixtieen inizia un plateu e poi una ineluttabile, irreversibile discesa che ci portera` sino agli anni nostri con crescita zero, ad essere il paese anagraficamente piu` vecchio del gia` vecchio continente. 
 
Io ho sempre sentito e sofferto di essere venuto al mondo troppo tardi, e cosi`non aver vissuto appieno quanto successo in quegli anni. Anche perche`, cantavano i Beatles e Mary Quant sdoganava la minigonna. Sono nato negli anni sessanta nel nordest del paese e li ho trascorso la mia porzione abbondante di quel decennio prima che i miei genitori, decidessero di tornarsene al centrosud, all’inizio degli anni 70. Una strana emigrazione al contrario, si potrebbe dire.
 
Strana, alla fine neanche poi tanto, solo insofferenza ed un po’ di mancanza di adattabilita`, di mio padre, non certo di mia madre, in un contesto che non ha mai sentito suo nonostante le apparenze. Alla fine, un classico caso di mancata integrazione. Come non capirlo, allora era forse ancor piu`difficile di oggi. Sono il tipico figlio primogenito di una famiglia assolutamente piccolo borghese di quegli anni. Con tutte le caratteristiche, famiglia di 4, genitori entrambi dipendenti pubblici, posto fisso e stipendio assicurato a fine mese, pensione certa al termine del percorso. 
 
Ho un fratello piu` piccolo, ed i miei hanno una casa di proprieta`, comperata non senza l'aiuto dei nonni emigrati negli USA negli anni precedenti e piccolo mutuo da pagare che a noi oggi farebbe sorridere ma che a loro sara` sembrato il K2 da scalare. 
 
Macchine, 2,  una piu` grande ed una utilitaria, ovviamente la 500. Abbiamo fatto anche qui tutto il percorso borghese di crescita: la 600, color acquamarina, primo simbolo di emendamento dalla poverta` ed irrinunciabile passaporto di liberta` verso le mitiche gite fuoriporta domenicali (a Iesolo, o in montagna, talvolta a Cortina quando ero ancora nordico), tanto bene descritte dai registi dell’epoca. 
 
Poi la 128, gialla, infine la mitica Giulia, blu con volante in radica. E` il miracolo economico di quegli anni. O forse, a posteriori sarebbe meglio dire il miraggio economico del quale paghiamo un conto salatissimo anche oggi. Una bella, noiosa normalita`. E quindi dove sta la storia? Probabilmente proprio in questa banalita` e normalita`, nel cercare di trasferire il gusto, l’idea di una stagione comunque rotonda e speranzosa. Forse nel raccogliere un po’ di ricordi e tracciare un bilancio; forse. Non lo so, ad un certo punto mi e venuta di voglia di scriverla, ed eccomi qua. 
 
Gli anni 60 per me, piccolissimo, trascorsi su al nord, sono fotogrammi, spezzoni, flash. Alcune cose mi viene anche il dubbio se mi siano mai accadute, oppure se siano storie d’altri che mi sembra di aver vissuto in prima persona, una sorta di transfer. Vediamo, ricordo il cortile del palazzo in cui vivevo, dove imparavo ad andare in bici, ho la perfetta rimembranza di quando mi han tolto le rotelle di supporto e dapprima incerto, poi piu` spedito ho cominciato a pedalare. Dovevo avere sui 5 anni, o forse 6.  
 
Che poi, e` il periodo in cui ho scelto di cosa “morire” calcisticamente. Molto per emulazione di ragazzi appena piu` grandi; uno in particolare che abitava in un appartamento dirimpetto al mio, doveva avere tre, quattro anni piu`di me. Una differenza di eta` giusta per aver ricordo diretto della grande Inter, lui si, e dei suoi successi internazionali. Non riesco a ricordarmi il nome di quel ragazzo, mai piu` visto da quando ci siamo poi trasferiti al sud. Chissa`che fine ha fatto. Ad ogni modo, sempre nel piazzale del palazzo, era lui che formava le squadre di ragazzini del quartiere per le partitelle; ad ognuno di noi assegnava un nome di un giocatore famoso, non solo dell’inter ma anche di altri club. Chi era Riva, chi Rivera, Mazzola, Prati, Suarez, Corso.
 
 
Ti potrebbe interesare anche:
 



Commenti:  0 | Stampa: Stampa veloce



facebook
http://jcmelegnano.net/e107_plugins/autogallery/autogallery.php?show=LE%20JUVENTUS....VINCENTI



trofei_2019.jpg
 
Numero_soci_2019.jpg
 
 Buono partita.png
 
app_android.jpg
 
contattaci_nero_e_giallo.jpg
scrivi_un_articolo.jpg
 
bandiera_juve.gif
 
meteo_it_2.jpg
meteo_melegnano_2.jpg
meteo_Calcio_2.jpg
 
Uniti per un solo amore.jpg
Juventus_Card.png
servizio_pullman.jpg
trasferte.jpg
 guarda_video_juve_stadio_.jpg
 Emozione.jpg




Tennis.png
 
amici.jpg
 
TB_icona_250.jpg
 
blog_luca_marotta.jpg
 
logo_orange_stings.jpg

foto_divisorio_sondaggio.jpg



 
 

 

Chatbox


Devi essere registrato per inviare commenti - effettua il Login oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti


RozziEugenio16
Ciao!!

rozzieugenio
Ciao a tutti!!

fabiettto
sono residente in Puglia... Posso iscrivermi regolarmente al club?

rozzieugenio
Ciao a tutti!! Come và?

Prof72
Ora mi sento parte integrante del club.finalmente mi sono iscritto per tifare con tutti voi.

sef1897
Saluti ...

Prof72
Ciao a tutti sono stato assente per un bel Po ma torno con piacere tra gli amici bianconeri.

rozzieugenio
Ciao a tutti!!

Zibi67
Benvenuto nel nostro spazio web Elettrik79.
Ora puoi tifare con noi!

Zibi67
Benvenuto nel nostro spazio web oskarre64.
Ora puoi tifare con noi!